Top Image
HOME CHI SIAMO LE API PRODOTTI CONTATTI FAQ
 
 
La vita delle api

“C’è un Ape che se posa su un bottone de rosa; lo succhia e se ne va… Tutto sommato, la felicità è una piccola cosa.”


Le api mellifere hanno come nome scientifico Apis mellifera, che significa “ape portatrice di miele".Vivono in colonie composte da circa 50.000 individui in estate e circa 20.000 in inverno.
Raccolgono dai fiori nettare e polline. Il nettare è la materia prima per la produzione di miele, mentre il polline è per le api una fonte di nutrimento ricca di proteine.

Trasportano il miele nella borsa melaria, una parte dell’apparato digerente, e il polline in piccole “ceste” collocate sulle zampe posteriori. Costruiscono il favo con la cera che producono in speciali ghiandole.

Depositano il miele e il polline nelle celle esagonali del favo, usate anche come nido per le pupe. Sono utili all’uomo soprattutto come impollinatrici delle colture. Sono allevate dall’uomo in arnie di legno che consentono di raccogliere il miele, il polline, la propoli e la pappa reale.

All’interno della colonia tutte le api operaie sono femmine sterili, i maschi delle api, o fuchi, sono funzionali solo alla riproduzione, cioè all’accoppiamento con le femmine. In ogni colonia è presente solo una regina, facilmente riconoscibile dal lungo addome.

Le api raccolgono resina da gemme, frutta, fiori e foglie delle piante per produrre a loro volta una resina sigillante detta “propoli”, usata per rivestire l’arnia. L’uomo usa la propoli raccolta dalle arnie a scopi curativi.

L’ape regina depone un solo uovo per ogni cella del favo ma riesce a deporre fino a 200.000 uova ogni estate. Le uova di ape si schiudono, le larve crescono e quando raggiungono le dimensioni adatte, si trasformano in pupe all’interno delle celle.

Le api femmine nascono da uova fecondate mentre i fuchi, di dimensioni maggiori, nascono da uova non fecondate.

Le api operaie attraversano diverse fasi “occupazionali” durante la loro vita: possono essere, ad esempio, pulitrici, muratrici, nutrici e guardiane. Quando raggiungono un’età avanzata lasciano il nido e diventano api bottinatrici. Le api che vivono nell’arnia si occupano della protezione e nutrizione della covata, le api che volano all’esterno si occupano della bottinatura.

Le api mellifere comunicano tra loro attraverso segnali chimici e tattili. Il linguaggio della danza è un aspetto molto importante del loro sistema di comunicazione.

In estate le api allevano numerose giovani regine in celle dalla struttura speciale e le alimentano attraverso una dieta particolare. Le giovani regine si accoppiano solo una volta nella loro vita, durante il volo nuziale, ma con molti fuchi.

L’ape regina viene alimentata con pappa reale durante tutta la sua esistenza e riceve costanti cure da parte di un seguito di api ancelle. Le api sciamano per propagare le proprie colonie.

L’ape regina anziana abbandona l’arnia originaria assieme a un gruppo consistente di individui. Le api mellifere sopravvivono all’inverno raccogliendosi in un’unica colonia.

Le api si aggregano in un denso grappolo e si mantengono al caldo facendo vibrare i muscoli delle ali. Le scorte di miele costituiscono la fonte di energia necessaria per questa attività.

Le api non attaccano ma si difendono con il loro pungiglione. Per il ruolo che svolge nell’impollinazione delle colture, l’ape mellifera è considerata la erza specie per importanza economica tra gli animali domestici europei.

L’ape è il più importante agente nella conservazione della biodiversità delle piante con fiori.

Torna su


Titolo - Le Api
















 

Prova i nostri prodotti !

Entra

 

 

 


  Copyright © 2009-2010 - www.igiardinidieuridice.it - P.iva 03094780123 - Tuttti i diritti riservati  
Powered by skirby.it   
Carrello